Istituto Grandi Infrastrutture   



                  

Appalti&Concessioni- numero: 919


Giurisprudenza-Dottrina

  

Offerta economicamente più vantaggiosa - Sistema di confronto a coppie - Giudizio di valore relativo - Inapplicabilità cd. proprietà transitiva 



 
 

Un dato di fatto merita in premessa di essere sottolineato: il criterio d’aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa è stato mediato dal sistema del confronto a coppie. Vale a dire mediante una metodologia (cfr. Allegato G del d.P.R. 207/2010) che non permette di individuare la migliore offerta in assoluto ma soltanto quella che in confronto con le altre si rileva essere la migliore. La valutazione, afferendo ad un giudizio di valore relativo, ha ad oggetto la qualità dell’opera. A corollario consegue che al confronto a coppie non è applicabile alcun automatismo procedimentale (cfr. la c.d. proprietà transitiva) e, per quel che qui più rileva, non è consentito scindere le valutazioni dall’ambito (relativo e specifico) del confronto entro cui esse sono espresse. Viceversa il nucleo fondante l’appello, dedotto nel secondo motivo, trascura il criterio di valutazione. Lamenta che l’offerta migliorativa presentata dall’aggiudicataria avrebbe avuto ad oggetto solo due dei tre tratti di rete fognaria indicati nel disciplinare, postulandone l’esclusione dalla gara o, in alternativa, la mancata attribuzione di alcun punteggio per l’offerta tecnica. In realtà il completamento della rete fognaria è solo uno dei quattro sub-criteri in cui si articola l’attribuzione di 45 punti previsti dal disciplinare per (la voce unitaria) “messa in sicurezza di strade, opere complementari fornitura di mezzi”. Voce che – va sottolineato – inerendo ad un parametro unitario del confronto a coppie, riguardante la qualità progettuale complessiva, non è suscettibile di essere frazionata nei singoli addendi che la compongono. A sua volta, la valutazione sottesa all’attribuzione del relativo punteggio non può essere contestata e sindacata in assoluto, prescindendo dall’ambito proprio del confronto a coppie entro cui è espressa in termini (necessariamente) relativi sulla qualità complessiva dell’offerta migliorativa.Al contrario: il motivo in esame qualifica erroneamente il sub-criterio sul completamento della rete fognaria quale autonomo criterio per valutare in termini assoluti la quantità delle opere migliorative progettate, sì da disattendere sia la logica del metodo di valutazione impiegato che le previsioni espressamente dettate sul punto dal disciplinare di gara. 


 
 
Stampa stampa la notizia

 
 Torna all' ARCHIVIO 


 
   

Prossimo Convegno


Iscriviti online



   
     
  IGI - Istituto Grandi Infrastrutture - Via Cola di Rienzo, 111 - 00192 - Roma - Tel:063608481 - 0636004684 email:igiroma@tin.it